Grandi ordini & Quotazioni

Possiamo aiutarti a risparmiare tempo e denaro per grandi ordini.

Verifica disponibilità e stock

Verifica in tempo reale la disponibilità dei prodotti scelti.

Come ordinare

Un’elevata flessibilità nella gestione dei tuoi ordini, garantisce il massimo della semplicità.

Purchasing Manager

Possiamo aiutarti a gestire il processo di acquisto e a ridurre i costi

eProcurement

Prendi il controllo e taglia i costi con il nostro servizio.

Ordini a programma

Possiamo consegnare esattamente quando ti serve.

Confezione per produzione

Ti offriamo confezioni industriali standard e confezione per produzione.

Offerta estesa

Puoi avere accesso ad altri 100.000 prodotti.

Avvisi e Notifiche

Resta aggiornato sullo stato del tuo ordine

MePA

Il Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione.

Metodi di consegna

Il tuo ordine quando vuoi.

Order Tracking

Tieni traccia dei tuoi ordini.

Pick Up

Il nuovo servizio di ritiro merci

Gestione resi

Resi, Resi in garanzia, Riparazioni.

Recesso per clienti privati

Come recedere dal contratto di vendita.

My Account

Lo strumento online per gestire il tuo account all’interno del sito RS.

Anagrafica e Codice cliente

La tua posizione anagrafica e il codice cliente RS.

Fatture & Pagamenti

Posso tenere traccia di tutte le mie fatture e pagamenti.

Fatturazione consolidata

Il servizio ideale per tutti i clienti con un elevato numero di ordini mensile.

Fattura in formato elettronico

Taglia i costi e gestisci un processo più efficace.

Copia documenti

Ricevi copia delle nostre fatture o dei documenti di trasporto.

DesignSpark

La community online con software gratuiti per progettisti.

Organizzazione vendite

Richiedi una visita da un nostro venditore

Contattaci

Per metterti in contatto con noi.

Sconti con Codici Promozione

Termini & Condizioni per l'uso dello sconto con Codici Promozione.

Richiedi una demo

Scopri come richiedere una demo di un prodotto che ti interessa.

Informazioni tecniche & Assistenza

Abbiamo le informazioni e il supporto di cui hai bisogno.

Informazioni RAEE

Informazioni tecniche e norme di riferimento.

Come segnalare una lamentela o disservizio

Il nostro primo componente è il servizio.

Informazioni RAEE

Cosa sono i RAEE

RAEEI RAEE (Rifiuti Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche - in inglese WEEE Waste of Electric and Electronic Equipment) consistono in qualunque apparecchiatura elettrica od elettronica guasta, obsoleta o semplicemente inutilizzata e, quindi, destinata a diventare rifiuto. Tali rifiuti non possono essere gettati nei normali cassonetti o smaltiti in discarica, ma necessitano di una raccolta separata al fine di recuperare le molte materie riciclabili (metalli, plastiche, vetro, ecc.) e di smaltire in sicurezza le componenti inquinanti. Il simbolo raffigurante un bidone per la spazzatura, barrato, indica la necessità di una raccolta separata delle apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Norme di riferimento - D.Lgs. 151 25 luglio 2005

Con il d.lgs. 151/05 il legislatore italiano ha dato attuazione alle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonchè allo smaltimento dei rifiuti. Il decreto, in particolare, stabilisce misure e procedure finalizzate a:

1. prevenire la produzione di RAEE

2. promuovere il reimpiego, il riciclaggio e le altre forme di recupero dei RAEE, in modo da ridurne la quantità da avviare allo smaltimento. L'obiettivo è di raccogliere, entro la fine del 2008, almeno 4kg di RAEE in media per abitante

3. migliorare, sotto il profilo ambientale, l'intervento dei soggetti che partecipano al ciclo di vita di queste apparecchiature (i produttori, i distributori, i consumatori e gli operatori direttamente coinvolti nel trattamento dei RAEE)

4. ridurre l'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche.


Oneri economici

Per incentivare l'introduzione di considerazioni ambientali in fase di progettazione dei beni, le Direttive sui RAEE attribuiscono ai produttori gli oneri economici connessi al trattamento, al recupero e allo smaltimento delle apparecchiature giunte a fine vita.

Al momento della fornitura della AEE nuova, il cliente business può chiedere al produttore di gestire il RAEE equivalente alle seguenti condizioni:

a. può essere di qualunque marca

b. deve essere adibito alle stesse funzioni della AEE nuova

c. non deve pesare più del doppio dell'apparecchiatura nuova

Per la guida alla restituzione dei RAEE per utenti professionali e la relativa modulistica, consultare i seguenti allegati:

1. Allegato 1 - Guida gestione RAEE B2B

2. Allegato 1a - Gestione RAEE B2B clienti e distributori dei soci EcoR'it

3. Allegato 1b - Preventivo RAEE B2B

4. Listino prezzi RAEE B2B

5. Listino prezzi RAEE B2B per la microraccolta

I clienti privati, per smaltire i RAEE in loro possesso, si devono rivolgere alle piazzole ecologiche del proprio comune.


I sistemi collettivi

er rispondere alle richieste della normativa, i produttori delle apparecchiature rientranti nel campo di applicazione del “Decreto RAEE” hanno costituito dei “sistemi collettivi”, tipicamente in forma di consorzi volontari, in funzione del tipo di apparecchiatura o del tipo di mercato servito.

Per gestire la raccolta ed il trattamento dei RAEE sul territorio italiano RS ha aderito al consorzio EcoR’it. Maggiori informazioni sul contenuto del decreto e sul consorzio sono disponibili al link www.ecorit.it.
EcoR’it dispone di centri di raccolta presenti su tutto il territorio nazionale, per trovare il centro di raccolta più vicino al proprio comune, consultare il sito http://www.ecorit.it/centri-di-raccolta.aspx

Per ulteriori informazioni sulla gestione dei RAEE o per inoltrare richieste di autorizzazione al conferimento del rifiuto presso i Punti di Raccolta potete contattarci scrivendo all’indirizzo raee@rs-components.com.

RS Components S.p.A. è iscritta al registro Produttori Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche con il numero IT08020000003487.


Cosa si intende per rifiuti di pile ed accumulatori

Si definisce «pila» o «accumulatore» una qualsiasi fonte di energia elettrica ottenuta mediante trasformazione diretta di energia chimica, costituita da uno o più elementi primari (non ricaricabili) o secondari (ricaricabili). Al fine di ridurre al minimo la produzione di rifiuti e, conseguentemente, di tutelare l'ambiente, le pile e gli accumulatori dismessi devono essere raccolti e smaltiti separatamente. Pertanto, anche tali prodotti devono riportare il simbolo del cassonetto barrato sul prodotto stesso e/o sulla confezione o sul foglio illustrativo. L'obiettivo è quello di conseguire entro il 26 settembre 2012 un tasso di raccolta minimo, anche su base regionale, pari al 25 per cento del quantitativo immesso sul mercato e del 45 per cento entro il 26 settembre 2016.


Norme di riferimento - D.Lgs. 188 20 Novembre 2008

Con il Decreto Legislativo n. 188 del 20 novembre 2008 che recepisce la direttiva europea 2006/66/CE, si disciplina l'immissione sul mercato italiano delle pile e degli accumulatori nonchè la raccolta, il trattamento, il riciclaggio e lo smaltimento dei rifiuti di pile ed accumulatori.
Il decreto 188/08 vieta l'immissione sul mercato (a partire dal 18/12/08):

•di tutte le pile o accumulatori, anche incorporati in apparecchi, contenenti più di 0,0005 per cento di mercurio in peso (escluse le pile a bottone con un tenore di mercurio non superiore al 2 per cento in peso)

•di pile o accumulatori portatili, compresi quelli incorporati in apparecchi, contenenti più dello 0,002 per cento di cadmio in peso (tale divieto non si applica alle pile e agli accumulatori portatili destinati ad essere utilizzati in sistemi di emergenza e di allarme, comprese le luci di emergenza; attrezzature mediche; utensili elettrici senza fili).


Oneri economici

Nel Giugno 2011, in attuazione del D. Lgs 188/08 e seguenti modifiche, è stato costituito il Centro Di Coordinamento Nazionale Pile ed Accumulatori (CDCNPA). Il CDCNPA ha il compito di:

•Ottimizzare le attività di competenza dei sistemi di raccolta, garantendo omogenee e uniformi condizioni operative al fine di incrementare le percentuali di raccolta e di riciclaggio dei rifiuti di pile e accumulatori

•Definire le modalità di determinazione e di ripartizione dei finanziamenti delle operazioni di raccolta, trattamento e riciclo da sottoporsi all'approvazione del Comitato di Vigilanza e Controllo

L'iscrizione al CDCNPA, obbligatoria così come previsto dal D.Lgs. 188/08, è riservata a:

•Centri di Raccolta comunali, autorizzati

•Impianti di trattamento RAEE, autorizzati

•Distributori, ovvero punti vendita

•Grandi Utilizzatori, ovvero soggetti che siano produttori iniziali di rifiuti di pile e accumulatori portatili per almeno 400 kg/anno e che garantiscano un ritiro minimo pari a 100 kg

I soggetti non citati tra i destinatari del servizio, per poter smaltire correttamente le pile esauste, possono chiedere l'intervento direttamente ai consorziati aderenti al CDCNPA.

RS ha aderito al consorzio EcoR'it (www.ecorit.it) ente consorziato al CDCNPA, anche per la gestione della raccolta e del trattamento dei rifiuti di pile ed accumulatori sul territorio italiano.

Per ulteriori informazioni sulla gestione di rifiuti di pile ed accumulatori si rimanda ai siti www.cdcnpa.it e www.ecorit.it o potete contattarci scrivendo all'indirizzo raee@rs-components.com.

RS è iscritta al registro Produttori Pile ed Accumulatori con il numero IT09060P00000020.