Cosa sono i RAEE

I RAEE sono i Rifiuti Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, ovvero tutte le apparecchiature elettriche ed elettroniche che, qualora l’utilizzatore decida di disfarsene, diventano rifiuti. Tali rifiuti non possono essere gettati nei normali cassonetti o smaltiti in discarica, ma necessitano di una raccolta separata al fine di recuperare le molte materie riciclabili (metalli, plastiche, vetro, ecc.) e di smaltire in sicurezza le componenti inquinanti.

Sulle apparecchiature elettriche ed elettroniche è apposto il simbolo riportato qui a lato che indica l’obbligo di raccolta separata dell’apparecchiatura una volta divenuto rifiuto e il divieto di smaltire la come rifiuto urbano misto. Il mancato rispetto di tali norme di comportamento può essere soggetto a sanzioni amministrative da parte delle autorità competenti.

Simbolo barrato

Norme di riferimento - D.Lgs. 49/2014

Con il d.lgs. 49/2014 il legislatore italiano ha dato attuazione alla direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) volta a proteggere l'ambiente e la salute umana in particolare:

a) prevenendo o riducendo gli impatti negativi derivanti dalla progettazione e dalla produzione delle apparecchiature elettriche ed elettroniche e dalla produzione e gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche;

b) riducendo gli impatti negativi e migliorando l'efficacia dell'uso delle risorse per conseguire obiettivi di sviluppo sostenibile

Oneri economici e di gestione

RS Components ha un ruolo di importatore perché immette per primo nel territorio nazionale Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (AEE) e, in quanto tale, adempie agli obblighi in materia di gestione dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) previsti dal Decreto Legislativo n. 49/2014, attraverso il sistema collettivo Remedia (www.consorzioremedia.it).
L’obiettivo della normativa è quello di garantire la corretta gestione ambientale di tale tipologia di rifiuti evitando la loro dispersione nell’ambiente, promuovendo il recupero e il riciclo. La normativa attribuisce a diversi soggetti pubblici e privati un ruolo nella filiera del ritiro, trasporto, recupero e trattamento.
In base a quanto stabilito dal D. Lgs. n. 49/2014, il finanziamento e la gestione dei RAEE provenienti dai nuclei domestici – ovvero delle attività di ritiro, trasporto nonché delle operazioni di trattamento adeguato, di recupero e di smaltimento – è a carico del produttore di AEE.

RS Components è iscritta al Registro nazionale dei produttori di AEE con numero d’iscrizione: IT08020000003487 e ottempera a tale compito aderendo al sistema collettivo Remedia che stabilisce i contributi necessari per garantire la corretta gestione dei RAEE.
Remedia ha quindi il compito di garantire, per conto dei Produttori aderenti, il corretto trattamento dei RAEE, delle pile e accumulatori, massimizzando il recupero e il riciclo.
Per quanto riguarda i RAEE domestici, le pile e gli accumulatori portatili, questi vengono prelevati presso i Centri di Raccolta comunali o presso i grandi punti vendita e trasportati in impianti specializzati per il corretto trattamento di questa tipologia di rifiuti.

Relativamente poi ai RAEE professionali – ovvero i RAEE diversi da quelli provenienti dai nuclei domestici e cioè provenienti da utenti professionali quali aziende e attività amministrative ed economiche – il D. Lgs n. 49/2014 prevede che il finanziamento delle operazioni di raccolta, trasporto e trattamento adeguato, recupero e smaltimento, sia a carico del produttore che fornisce una nuova apparecchiatura di tipo equivalente (cd. Ritiro 1:1), qualora si tratti di RAEE derivanti da AEE immesse sul mercato prima del 31 dicembre 2010. Per i RAEE derivanti da AEE immesse sul mercato dal produttore a seguito di tale data, il finanziamento delle operazioni di raccolta, trasporto, trattamento adeguato, recupero e smaltimento è a carico del produttore medesimo che può essere contattato dal cliente B2B finale.

Gli oneri del consumatore

Ai fini di una corretta gestione dei RAEE domestici è necessario che anche gli utilizzatori finali, ovvero i consumatori, diano il loro concreto contributo.
In particolare i consumatori hanno l’obbligo di non smaltire i RAEE come rifiuti urbani, ma devono partecipare alla raccolta differenziata di questa tipologia di rifiuti attraverso due modalità di consegna:

• presso i Centri di Raccolta comunali (anche dette Eco-piazzole, isole ecologiche), direttamente o tramite i servizi di raccolta delle municipalizzate, ove questi siano disponibili;
• presso i punti di vendita di nuove apparecchiature elettriche ed elettroniche. Qui si possono consegnare gratuitamente i RAEE di piccolissime dimensioni (con il lato più lungo inferiore a 25 cm), mentre quelli di dimensioni maggiori possono essere conferiti in modalità 1 contro 1, ovvero consegnando il vecchio prodotto nel momento in cui se ne acquista uno nuovo di pari funzioni.