Cercato recentemente
      • Pubblicato il 14 nov 2022
      • Ultima modifica 29 ago 2023
    • 17 min

    Guida alle telecamere di sorveglianza

    Come avere tutto sott’occhio, in azienda e a casa

    Guida alle telecamere di sorveglianza

    Antifurto e sicurezza operativa: ecco cosa possono fare le telecamere di sorveglianza

    Le telecamere di sorveglianza offrono una maggiore protezione in molte aree rilevanti per la sicurezza, negli stabilimenti pubblici e commerciali e a casa. I dispositivi sono poco appariscenti e rilevano ciò che accade nelle aree monitorate, lo registrano e quindi aiutano a riconoscere le attività criminali, a provare il corso degli eventi e a identificare i colpevoli. Spesso la sola presenza di telecamere di sicurezza è sufficiente per scoraggiare e prevenire possibili reati. Negli ambienti industriali possono anche aiutare a monitorare le aree pericolose al fine di proteggere meglio i dipendenti e, se necessario, adottare adeguate misure di sicurezza più rapidamente.

    La videosorveglianza è diventata una parte indispensabile di molti ambiti della vita pubblica. È parte integrante dei sistemi di sicurezza per la sorveglianza, ad esempio:

    • nei parcheggi
    • nelle banche e nei casinò
    • negli aeroporti, nelle stazioni ferroviarie e nei trasporti pubblici
    • presso le stazioni di servizio
    • negli stabilimenti produttivi e nei magazzini

    Come funziona una telecamera di sorveglianza

    Telecamera di sorveglianza

    Le telecamere di sorveglianza consentono di registrare, visualizzare e salvare filmati, ma non funzionano in modo autonomo. Per svolgere in pieno le proprie funzioni, devono essere collegate a una rete di computer con un monitor e un disco rigido, tramite cavo di rete, radio o WLAN. Quando la telecamera è collegata alla rete, può essere richiamata tramite browser e gestita tramite il software. Può essere utilizzata, ad esempio, per avviare e interrompere le registrazioni, scattare foto, ascoltare ciò che sta accadendo o ingrandire. E tramite internet è possibile controllare la telecamera da qualsiasi luogo. In pratica, per farlo esistono app per smartphone proposte da diversi produttori. I dati vengono registrati su una scheda di memoria, sul disco rigido del computer o su un videoregistratore. Tramite interfacce esistenti è possibile collegare anche altri dispositivi, come i monitor.

    Telecamere di sicurezza per ogni situazione

    Telecamera di sicurezza analogiche: Un cavo (per lo più coassiale) collega la telecamera direttamente al sistema di sorveglianza. Ciò ne garantisce la resistenza alla manipolazione e l’affidabilità nella trasmissione del segnale. Svantaggio: Il cablaggio rende le telecamere poco mobili e meno flessibili nell'uso.

    Telecamera WLAN: Queste telecamere di sicurezza wireless possono essere posizionate facilmente quasi ovunque e spostate in un altro luogo senza problemi. La trasmissione digitale dei dati consente inoltre di monitorare i dati video da qualsiasi luogo e di controllare la telecamera da remoto.

    Telecamere per esterni: Queste telecamere sono progettate appositamente per uso esterno secondo IP66. Di norma sono robuste, resistenti alle intemperie e adeguatamente sigillate. Sono quindi ideate per sopportare anche gli atti vandalici.

    Telecamere panoramiche: Grazie a una testa girevole, possono essere ruotate e inclinate, ampliando notevolmente l'area di registrazione. Di solito è possibile controllare queste telecamere da remoto, in modo da poter osservare personalmente determinate aree se si nutre qualche sospetto.

    Telecamere fittizie: Sono molto simili alle telecamere vere, pur essendo finte, e simulano un alto livello di intensità di sorveglianza in un sistema di videosorveglianza. Rappresentano quindi un’alternativa economica per scoraggiare i criminali e possono aiutare a prevenire i reati.

    Telecamere a infrarossi: Con l'aiuto di sensori termici, registrano anche l'energia termica nell'area di osservazione. Nella nostra guida alle termocamere troverai numerose utili informazioni sul funzionamento e sull'utilizzo delle telecamere a infrarossi.

    Dashcam: Sono utilizzate nei veicoli. Collegate al cruscotto, monitorano la situazione del traffico e possono registrare incidenti o reati stradali.

    Buono a sapersi!

    Buona a sapersi

    Gradi di protezione IP: cosa devono sopportare le telecamere di sicurezza

    Le telecamere di sicurezza sono dispositivi altamente sensibili, i cui componenti più delicati non devono entrare in contatto con acqua, polvere e sporco. La norma internazionale DIN EN 60529 descrive diversi gradi di protezione che indicano quali sollecitazioni è in grado di sopportare la telecamera. Ogni grado di protezione IP è contrassegnato con un codice composto dalle lettere “IP” seguite da due cifre. La prima cifra indica protezione da contatto e corpi estranei, la seconda indica protezione dall'acqua. Le telecamere per esterni dovrebbero essere conformi almeno alla classe di protezione IP66. Le telecamere antivandalo devono essere dotate di protezione completa da contatto, quindi appartenere almeno alla classe di protezione IP5X.

    Cosa sono i sistemi di telecamere a circuito chiuso?

    Più è ampia l'area da monitorare, più telecamere sono necessarie per monitorarla. Per aree estese o poco visibili, come edifici, proprietà, zone pubbliche o ambienti industriali, si utilizzano i sistemi di telecamere a circuito chiuso (CCTV). Si tratta di sistemi di telecamere costituiti da almeno una telecamera di sorveglianza, un’unità di memorizzazione, un videoregistratore ed eventualmente un monitor. Questi sistemi di videosorveglianza sono definiti sistemi chiusi, perché le registrazioni vengono trasmesse a un numero limitato di dispositivi riceventi e possono essere visualizzate solo da determinati gruppi di persone. Di norma questi sistemi funzionano con la crittografia, per proteggere i dati da accessi non autorizzati. La serie di norme EN 62676 regola i sistemi di telecamere a circuito chiuso come sistemi di videosorveglianza per applicazioni di sicurezza.

    Come funzionano i sistemi di telecamere a circuito chiuso?

    L’installazione di un sistema di telecamere a circuito chiuso è molto semplice. È sufficiente una telecamera di sorveglianza WLAN che si collega al router di casa. Le registrazioni video possono essere salvate su disco rigido, registrate con un videoregistratore digitale e visualizzate in diretta su computer o smartphone.

    Sistema di videosorveglainza

    Nelle aziende, tali sistemi di telecamere a circuito chiuso sono in grado di rilevare attività criminali. I sistemi di videosorveglianza approvati riducono al minimo i rischi di responsabilità e possono quindi aiutare a pattuire tariffe assicurative più convenienti. Per questo si utilizzano spesso installazioni più complesse con sistemi composti da più telecamere di sorveglianza. Specchi aggiuntivi e telecamere orientabili aiutano a coprire anche le aree meno visibili. Il materiale video viene inviato a un'unità di archiviazione ed elaborazione tramite un cavo di rete o via radio. È possibile utilizzare dei monitor per seguire direttamente le registrazioni delle singole telecamere in un centro di sicurezza, mentre i videoregistratori digitali o di rete registrano il materiale. Le registrazioni possono essere sovrascritte utilizzando una funzione loop o, se necessario, salvate premendo un pulsante.

    Acquista un sistema CCTV

    Viaggiare in sicurezza con la telecamera di sorveglianza in auto

    Attualmente le dashcam sono molto apprezzate da tanti automobilisti, ma possono essere utilizzate anche su moto e biciclette. Sono pratiche e si fissano molto facilmente al cruscotto del veicolo. Consentono di monitorano la situazione del traffico e possono quindi aiutare a documentare gli incidenti. Questi pratici dispositivi possono anche registrare interi viaggi e sono inoltre dei veri tuttofare.

    Telecamera di sorveglianza in auto

    Ad esempio, alcuni modelli garantiscono una vista a 360 gradi e permettono di vedere cosa sta succedendo vicino, dietro e all'interno dell'auto. I sensori consentono di accedere a molte pratiche funzioni aggiuntive. Grazie a un rilevatore di movimento integrato, la telecamera di sorveglianza si accende automaticamente in caso di movimento o vibrazioni e fornisce quindi registrazioni essenziali, ad esempio per documentare atti vandalici sull'auto. I sensori di accelerazione avviano la registrazione automatica, ad esempio in caso di frenata di emergenza o incidente. I sensori termici trasformano la dashcam in una termocamera con la quale è possibile osservare cosa succede in auto di notte. Un ricevitore GPS fornisce dati aggiuntivi, come posizione, velocità e distanza percorsa, che possono essere utili nel caso in cui si debbano fornire delle prove.

    Dotata di funzione WLAN, la telecamera di sorveglianza può essere facilmente collegata anche alla rete mobile. L’auto parcheggiata può essere comodamente monitorata da casa o dal bar tramite live streaming sul cellulare. Lo smartphone invia un messaggio di testo per avvisarti di attività sospette.

    Acquista una dashcam

    Cosa è consentito e cosa no nella videosorveglianza?

    L’uso di telecamere di sorveglianza può essere una questione delicata se si riprendono altre persone senza il loro consenso. Ognuno ha il diritto di muoversi liberamente in pubblico senza essere registrato da telecamere. Cosa è consentito e cosa no nell’utilizzo di telecamere di sicurezza va determinato per il caso specifico. Abbiamo raccolto qui alcuni principi generali:

    In uffici, fabbriche e locali commerciali le telecamere di sorveglianza sono consentite in determinate circostanze. Sul posto di lavoro, tuttavia, devono sussistere ragioni specifiche per giustificarne l’installazione e l’utilizzo. Ad esempio, per prevenire furti nei negozi o nelle stazioni di servizio o per proteggere i caveau delle banche da accessi non autorizzati. Le telecamere devono essere installate apertamente e i dipendenti devono accettare la sorveglianza. Nei bagni, nelle camere da letto o negli spogliatoi, le telecamere sono tabù o consentite solo molto difficilmente. Solo le agenzie governative pubbliche sono autorizzate a utilizzare le videocamere nelle aree pubbliche.

    Di norma è consentito supervisionare la propria casa o proprietà con una telecamera di sorveglianza. Tuttavia, la telecamera non deve essere puntata su percorsi pubblici o proprietà limitrofe. In casi eccezionali, possono però essere consentite registrazioni di aree adiacenti alla proprietà privata, ad esempio per monitorare la propria auto nel parcheggio esterno, se è già stata più volte oggetto di vandalismo. Quando vengono ripresi degli estranei, la situazione diventa sempre problematica. I visitatori devono essere informati della presenza della telecamera e anche eventuali babysitter o donne delle pulizie devono acconsentire alle registrazioni. Naturalmente, non è consentito pubblicare le registrazioni video. Nemmeno per identificare un autore di propria iniziativa.

    Raccomandiamo di informarsi sulle legislazioni vigenti per l’utilizzo dei sistemi di sorveglianza.

    Come collegare correttamente la telecamera di sicurezza

    Per mettere in funzione la telecamera di rete, collegala alla corrente con il connettore di rete. Generalmente, una luce a LED indica che è ora operativa. Ora si può connettere la videocamera al router di rete. Tramite quest’ultimo è possibile collegare anche altri dispositivi che si desidera integrare nel sistema di telecamere. Anche se successivamente si desidererà utilizzare la telecamera IP tramite WLAN, si consiglia di eseguire la prima installazione utilizzando un cavo di rete. Per gestire la videocamera è necessario un indirizzo IP. Puoi trovarlo nell’elenco dei dispositivi connessi sul tuo router di rete. Se inserisci l'indirizzo IP nella riga di comando del tuo browser, verrai indirizzato all'interfaccia utente della tua telecamera di rete. È consigliabile salvare questo collegamento tra i preferiti. La password per l'accesso si trova nel manuale utente o nella parte inferiore della telecamera. Molti produttori forniscono anche software e app per smartphone con cui è possibile gestire la telecamera IP ancora più comodamente.

    Consigli per la cura e la manutenzione delle telecamere di sicurezza

    Il corretto montaggio e la corretta manutenzione delle telecamere di sicurezza sono fondamentali per ottenere immagini di buona qualità. Perché possano resistere agli influssi esterni, è importante montare saldamente il supporto. Si consiglia di posizionare la telecamera fuori dalla portata delle persone, in modo che non possa essere manomessa.

    Puntare il dispositivo con attenzione nella zona desiderata, facendo attenzione alla retroilluminazione. Il riflesso dei lampioni o l'illuminazione dell'ingresso della casa può influire sulla qualità delle immagini. I raggi IR delle telecamere a infrarossi poste le une di fronte alle altre si sovrappongono e possono ridurre la qualità della registrazione video. In linea di principio, non si dovrebbero montare le telecamere dietro finestre o lastre di vetro a causa dei possibili riflessi di luce. Nelle telecamere di sicurezza con modalità di visione notturna, il vetro riflette la luce a infrarossi. Anche le grondaie riflettono i raggi IR e sono adatte come supporti per le telecamere.

    Pulire regolarmente l'alloggiamento con un panno privo di lanugine, ad esempio in microfibra. In questo modo si rimuove la polvere, si evita il calo della visibilità dovuto alla presenza di ragni o altri insetti e si garantiscono registrazioni perfette. È preferibile pulire l'obiettivo con un apposito pennello o con uno spray ad aria compressa.

    Domande frequenti

    Che ruolo svolge la risoluzione in una telecamera di sicurezza?

    La risoluzione della telecamera determina quanto lontano si possa vedere. È espressa in megapixel: più è elevato il numero dei pixel, più nitida è l'immagine. Negli uffici sono adatte telecamere da 2 megapixel (MP). Per riconoscere un volto a una distanza di 12 metri servono almeno 4 MP. La risoluzione determina anche quanto è possibile ingrandire le immagini con uno zoom digitale senza perdere qualità.

    Cos’è meglio: zoom ottico o digitale?

    Lo zoom digitale è limitato dalla risoluzione della telecamera. Per poter riconoscere abbastanza bene i dettagli del viso a 20 metri di distanza, è necessaria una risoluzione della fotocamera di almeno 12 MP. Per tutto il resto si utilizza uno zoom ottico. In questo caso si può spostare l’obiettivo: questi dispositivi sono noti anche come telecamere Vario. Sono dotati di lenti varifocali motorizzate controllabili a distanza.

    Quali sono i vantaggi delle telecamere per esterni?

    Le telecamere per esterni sono progettate appositamente per il monitoraggio di aree all’aperto. Grazie alla loro struttura robusta, sono resistenti alle intemperie e possono essere installate facilmente all’esterno. Dotate di funzione WLAN, queste telecamere trasmettono gli eventi che si verificano nell'area esterna all’unità di valutazione in casa senza il fastidio dei cavi. E presentano anche un altro vantaggio: grazie alla funzione di visione notturna, è possibile monitorare facilmente anche al buio. Ciò significa che le telecamere per esterni sono adatte anche per l'uso in interni se si desidera tenere sotto controllo un’abitazione, uno spazio commerciale o un magazzino.

    Quando serve la funzione notturna?

    Le telecamere di sorveglianza professionali sono generalmente progettate in modo da poter rilevare a grandi linee anche al buio. Tuttavia, di notte il campo visivo della telecamera è di circa 2-3 metri inferiore rispetto al giorno. Per identificare anche i dettagli del viso in lontananza al buio, la telecamera deve essere dotata di funzione a infrarossi. La funzione di visione notturna a infrarossi deve essere più o meno potente a seconda del luogo di utilizzo. Alcune telecamere regolano la potenza degli infrarossi automaticamente con “Smart IR” in modo che non vi sia sovraesposizione durante le riprese ravvicinate.

    Che cos'è una telecamera IP?

    Le telecamere IP sono telecamere di rete collegate alla rete di computer tramite cavi di rete come CAT5 o CAT6. Questi cavi non vengono utilizzati solo per la trasmissione dei dati, ma forniscono anche alimentazione alla telecamera tramite Power-over-Ethernet (PoE). Grazie alla grande larghezza di banda, le telecamere IP supportano risoluzioni molto elevate e quindi superano anche le telecamere HD. Lo svantaggio è la portata più corta del cavo di rete, che può essere posato solo su una distanza massima di 100 metri. È possibile estenderlo con un'estensione PoE, ma ciò comporta una perdita di prestazioni per la telecamera. Se si desidera evitare di configurare una rete di computer, è possibile utilizzare telecamere plug-and-play con videoregistratori di rete PoE. Sono semplici da collegare anche per i non esperti.

    Quando è utile una telecamera HD?

    Le telecamere HD offrono la massima qualità delle immagini. Utilizzano cavi coassiali per trasmettere il segnale video. Con cavi coassiali in rame di alta qualità, i dati possono essere inviati fino a 500 metri senza alcuna perdita di qualità. Le telecamere HDCVI convenzionali raggiungono risoluzioni elevate fino a 8K, ma trasmettono solo questa forma di segnale. Le telecamere 4-in-1 possono emettere quattro tipi di segnali: HDCVI, HDTVI, AHD e CVBS. Sono compatibili con molti dispositivi: è sufficiente passare alla modalità di output desiderata. Tuttavia, i dispositivi sono disponibili solo con risoluzioni fino a 2K.

    Quale velocità di registrazione o quanti fotogrammi al secondo sono consigliabili?

    In questo caso si applica il seguente principio: Più fotogrammi vengono registrati al secondo, più fluide sono le registrazioni e più dettagli è possibile catturare. Tuttavia, sono necessari un ampio spazio di archiviazione e un videoregistratore potente. Quindi, per quanto riguarda la velocità di registrazione, spesso si scende a compromessi a seconda dell'applicazione. Le telecamere che registrano 30 fotogrammi al secondo vengono utilizzate per catturare movimenti rapidi, ad esempio durante il monitoraggio del traffico o la registrazione di rapine in banca.

    Batteria ricaricabile, batteria o corrente: cos’è meglio?

    Per un’alimentazione affidabile, generalmente sono migliori le telecamere di sicurezza collegate ai cavi di alimentazione. Una batteria ricaricabile aggiuntiva garantisce una maggiore sicurezza, perché può colmare le interruzioni di corrente. In alcuni casi, però, può anche essere consigliabile installare una telecamera di sorveglianza con batteria o batteria ricaricabile. Posare i cavi di alimentazione all'aperto può richiedere molto tempo e denaro. Oppure può capitare di dover monitorare un luogo privo di collegamento alla corrente elettrica. Quando si acquistano telecamere di sicurezza ricaricabili o a batteria, prestare attenzione alla loro capacità, in modo che funzionino il più a lungo possibile e non si verifichino interruzioni indesiderate.

    Per quanto tempo posso registrare con una telecamera di sorveglianza?

    Collegando la telecamera di sorveglianza alla corrente, si può generare materiale video illimitato. Nei dispositivi autonomi, la capacità della batteria limita il tempo di registrazione. La quantità di materiale video che è possibile salvare senza dover sovrascrivere dipende dalla capacità di archiviazione, dalla qualità del video, dal metodo di compressione e dalla frequenza dei fotogrammi. Un sistema di telecamere HD necessita di oltre 5 terabyte per memorizzare 30 giorni di registrazioni. Le telecamere intelligenti funzionano con i cosiddetti sistemi di movimento che registrano solo scene in movimento. Così si riduce lo spazio di archiviazione. Un’altra possibilità sono le funzioni loop che sovrascrivono le registrazioni con un ritmo prestabilito.

    Qual è il modo migliore per salvare i video registrati da una telecamera di sorveglianza?

    Alcune telecamere IP sono dotate di scheda micro SD interna o offrono spazio per il retrofit. Tuttavia, la capacità di archiviazione è piuttosto limitata: 128 GB sono appena sufficienti per archiviare il materiale video di due giorni. Un’altra alternativa è il PC, su cui è possibile elaborare professionalmente le registrazioni con l’apposito software. Se però si spegne accidentalmente il PC o si verifica un guasto, la registrazione si interrompe. Solitamente i videoregistratori autonomi sono la soluzione più economica e affidabile.

    Posso salvare le registrazioni video nel cloud?

    Alcune telecamere WLAN offrono la possibilità di caricare i dati direttamente su un sistema cloud: una soluzione comoda che consente di risparmiare spazio di archiviazione e costosi dispositivi. In questo caso è consigliabile confrontare diversi abbonamenti per trovare l'offerta migliore.

    WLAN, radio o cavo: qual è la migliore soluzione di connettività per la mia fotocamera?

    Le telecamere WLAN e radio sono pratiche: trasmettono il materiale video in modalità wireless, quindi molto facilmente, a vari media e consentono anche il monitoraggio tramite smartphone. Tuttavia, se il router subisce un guasto o la WLAN è disturbata, le registrazioni importanti possono andare perse. Nel peggiore dei casi non rimangono nemmeno sul nastro, la cui presenza è fondamentale. I sistemi di monitoraggio cablati dovrebbero essere utilizzati in tutte i luoghi in cui è importante poter garantire la sicurezza senza che si verifichino guasti e interferenze durante la registrazione.

    Come funziona una telecamera con rilevatore di movimento?

    Alcune telecamere sono dotate di rilevamento del movimento che avvia la registrazione automaticamente, grazie ai sensori, ad esempio sensori di luce, con cui la telecamera scansiona l'ambiente circostante. Nelle dashcam sono spesso integrati dei sensori di accelerazione o vibrazione che rilevano le oscillazioni in caso di vandalismo o identificano un possibile incidente in base alle forze G durante le frenate e le accelerazioni. Una variante pratica sono le luci per esterni con telecamere e rilevatori che si attivano automaticamente, illuminano l'area desiderata e registrano ciò che sta accadendo. La maggior parte delle telecamere di sorveglianza con rilevatori di movimento dispone anche di una funzione WLAN, per poter poi trasmettere il materiale video in modalità wireless. In questo modo si salvano solo le sequenze video significative di cui si ha veramente bisogno.

    Componenti per sistemi CCTV

    Registratori

    Registratori

    I videoregistratori CCTV elaborano e registrano i segnali video ricevuti da telecamere CCTV.

    Guarda ora

    Accessori CCTV

    Accessori CCTV

    Scopri gli accessori per i sistemi di telecamere a circuito chiuso o CCTV, alimentatori, amplificatore di segnale e connettori.

    Guarda ora

    Link consigliati