Cercato recentemente

    Costruzione di macchine industriali

    Due esperti spiegano come superare i problemi e sfruttare al massimo le possibilità a loro disposizione.

    Costruzione di macchine industriali

    Costruzione di macchine industriali: sfide, opportunità e come rispondere

    Due esperti condividono le proprie idee su come i costruttori di macchine possono superare i problemi e sfruttare al massimo le possibilità a loro disposizione in questo momento.

    Costruzione Macchine

    Se chiedessimo ai costruttori di macchine quali sono le principali sfide che devono affrontare, probabilmente otterremmo delle risposte schiette. Invece, se chiedessimo cosa possono fare per affrontare questi problemi, le risposte potrebbero non essere così immediate: per questo motivo abbiamo contattato due esperti per sentire le loro opinioni e i loro consigli.

    Kristian Olsson è vicepresidente della divisione automazione e controllo di RS Group, mentre Tony Hague è CEO di PP Control and Automation, un’azienda di produzione a contratto che fornisce soluzioni di outsourcing strategico a grandi OEM globali in settori quali macchine utensili, packaging, stampa e prodotti farmaceutici. “Offriamo supporto alla progettazione e soluzioni di produzione ai costruttori di macchine”, ha spiegato.

    Qui Olsson e Hague discutono delle sfide nel settore della costruzione di macchine e, cosa forse più importante, condividono consigli su come superarle. “Per ogni problema, c’è un’opportunità”, ha affermato Hague.

    Quali sono le sfide?

    Kristian Olsson

    “I costruttori di macchine devono affrontare le sfide della supply chain”, ha esordito Olsson. “Un cliente può avere una preferenza su quali prodotti, soluzioni e marchi utilizzare. Il costruttore di macchine probabilmente ha delle opzioni e può utilizzare parti alternative, ma questo comporta un rischio”.

    Hague concorda sul fatto che l’approvvigionamento dei materiali adatti sia un grosso problema. “Due parole: supply chain”, ha detto. “Con chiunque si parli in questo momento nel settore manifatturiero, ci si sentirà dire che ciò che frena la ripresa economica, la nostra capacità di costruire per i nostri clienti e la capacità dei nostri clienti di costruire di più è la supply chain assolutamente disastrosa”.

    Inoltre, Hague ritiene che, a causa dell’interruzione della supply chain, le aziende siano maggiormente in difficoltà a rispondere efficacemente ad altre richieste, come l’aumento dei prezzi dell’energia e le aspettative su inflazione e stipendi. “Se potessimo risolvere la questione della supply chain, potremmo occuparci di questi problemi”, ha aggiunto.

    Perché in questo momento la situazione della supply chain è “assolutamente disastrosa”“La causa è stata la mancata produzione di componenti elettronici fondamentali durante il periodo COVID”, ha risposto Hague. “Alle fonderie di semiconduttori e ai produttori di chip è servito molto tempo per riuscire a tornare alla normalità. La domanda arretrata e aggiuntiva che arriva dall’automotive e dal 5G è altissima”.

    Questo non rappresenta un problema solo per i costruttori di macchine: va oltre la produzione e sta influenzando anche l’economia globale in generale. Inoltre, la pandemia di coronavirus non ne è l’unica causa. “Questo problema si stava già presentando”, ha osservato Hague. “Il COVID lo ha acuito.

    “Il tutto è dovuto anche al fatto che per vent’anni le supply chain sono state delocalizzate e si è ricorsi a componenti provenienti da luoghi lontani, alla ricerca del costo più basso possibile. Questo meccanismo funziona solo finché non crolla tutto”.

    Ora questa tendenza ha iniziato a invertirsi e Olsson ritiene che continuerà in questa direzione, anche se l’impatto della pandemia si attenuerà. “Penso che ora si tenda a preferire la delocalizzazione in paesi vicini”, ha affermato. “Non si tratta di una reazione impulsiva. Già prima della pandemia si metteva in discussione la delocalizzazione e la pandemia non ha fatto altro che rafforzare questo trend.

    “La soluzione non sarà immediata: si tratterà di capire che livello di rischio siamo disposti ad accettare per ciascun tipo di categorie di prodotti. Nei settori incentrati sul consumatore, dall’alimentare al farmaceutico, la propensione al rischio è diminuita in modo permanente”.

    “Cosa significa questo per l’industria della costruzione di macchinari? I costruttori di macchinari possono concentrarsi maggiormente sul mantenimento della flessibilità e dell’automazione nel loro ambiente di produzione, ma dovranno concentrarsi ancora di più sul fatto che i costi di manodopera rappresentano una sfida e sulla mancanza di persone che desiderano svolgere questo tipo di lavoro.

    “Ciò comporterà inevitabilmente implicazioni sia aziendali che tecnologiche”.

    Nell’ambito della costruzione di macchine c’è un grande bisogno di apprendimento e sviluppo continui per mantenere aggiornate le competenze e capacità degli ingegneri.

    Kristian Olsson Vicepresidente della divisione automazione e controllo di RS Group.

    Come è possibile gestirle?

    Tony Hague

    “È necessario puntare sulla microgestione e comunicare tantissimo, oltre il dovuto”, ha consigliato Hague. “Comunicare oltre il dovuto con i fornitori e con i clienti, microgestire il più possibile”.

    Ciò significa adottare un approccio proattivo per affrontare i problemi che si presentano. “Usa la fantasia”, ha continuato Hague. “Esplora percorsi alternativi. A volte non c’è altra soluzione che sedersi e aspettare, ma non è questa la cosa ideale da fare, quindi guardatevi intorno. Metticela tutta”.

    Concentrati sulle soluzioni disponibili. “In presenza di un problema, non rivolgerti subito al cliente”, ha detto Hague. “Del resto, lui ti paga per fare qualcosa in più di questo. Quindi puoi fargli presente che hai un problema, ma presentando anche una possibile soluzione e, ad esempio, alcune opzioni (A, B e C)”.

    “Forse le soluzioni non gli piaceranno, ma almeno tu non avrai rinunciato al primo ostacolo. Vale per i fornitori. Vale per noi con i nostri clienti. Vale per tutta la supply chain. Non limitarti a passare il problema a qualcun altro”.

    Come indicano queste parole, è proprio nei periodi difficili che diventa ancora più importante lavorare con fornitori di fiducia che adottano un approccio di questo tipo. “Non si può mai sapere quanto sia bravo un fornitore fino a quando ci si trova di fronte a una sfida”, ha continuato Hague. “Quando le cose vanno bene, sono bravi anche i fornitori mediocri.

    “È quando il gioco si fa duro che si capisce quali sono i fornitori che si fanno avanti. Quali fornitori sono proattivi e continuano a comunicare con te?

    “Siamo alla costante ricerca di fornitori che ci diano un valore aggiunto. Non ci interessano le relazioni puramente commerciali. Vogliamo dei fornitori che ci semplifichino la vita per quanto riguarda gestione dei fornitori, fatturazione consolidata, kitting, forniture consegnate per tempo in modo che l’inventario non si blocchi.

    “Sono questi gli ambiti in cui fornitori come RS danno un valore aggiunto”.

    In presenza di un problema, non rivolgerti subito al cliente. Del resto, lui ti paga per fare qualcosa in più di questo.

    Tony Hague CEO di PP Control and Automation.

    Ti stai preparando a cogliere le opportunità?

    “Penso che per ogni problema ci sia un’opportunità”, ha affermato Hague. “Ci si può limitare a vedere il problema oppure lo si può guardare da un’altra direzione e chiedersi come poter creare opportunità a partire da esso e come poter risolvere i problemi delle persone.

    “A questo punto entra in gioco la capacità di far crescere la propria attività e creare partnership e collaborazioni migliori proprio a partire dal problema”.

    Un modo per farlo è esplorare il potenziale delle tecnologie emergenti. “Come può un costruttore di macchine utilizzare una determinata tecnologia per ottenere qualcosa?”, ha chiesto Hague. “IA, digitalizzazione, fabbriche intelligenti: quali vantaggi potrebbero portare nel tuo mondo, nella tua fabbrica, ai tuoi clienti?""

    Questo è l’approccio adottato da PP Control and Automation. “Abbiamo lavorato molto creando collaborazioni con le università locali e “i centri Catapult”, quindi capiamo cosa sta succedendo”, ha spiegato Hague.

    “Non sei all’oscuro della tecnologia, ma stai cercando di scoprire che ruolo possa svolgere nella tua azienda. Molti non comprendono questo passaggio. Vedono semplicemente la tecnologia e pensano che sia interessante, ma non pensano a come potrebbe cambiare il modo in cui lavorano internamente e con i loro clienti”.

    Molte aziende hanno bisogno di supporto per esplorare a pieno il potenziale della tecnologia, ha affermato Hague. “C’è un grosso problema a livello di PMI: mancano la consapevolezza e la conoscenza di come applicare la robotica e l’automazione nelle aziende per migliorare produttività, agilità ed efficienza economica.

    “Per cogliere le opportunità che la produzione offre in questo momento, contatta persone che conoscono cose che non conosci. Trova le persone che possono colmare le tue lacune”.

    Olsson concorda con Hague. “Nell’ambito della costruzione di macchine c’è un grande bisogno di apprendimento e sviluppo continui per mantenere aggiornate le competenze e capacità degli ingegneri, soprattutto data la complessità delle soluzioni automatizzate associate alla connettività.”

    Ancora una volta, i fornitori di fiducia possono svolgere un ruolo fondamentale in questo processo. “RS offre ai costruttori di macchine un’ampia gamma di articoli e la capacità di immettere rapidamente sul mercato nuovi prodotti e soluzioni innovative”, ha continuato Olsson. “Qualcosa di migliore, più veloce, più economico, più affidabile.

    “Siamo un buon tramite nel tenerti aggiornato”.

    Prodotti consigliati

    Display HMI touch

    Display HMI touch

    Unità HMI RS PRO, display TFT touchscreen da 7", può essere montato a pannello o utilizzato come dispositivo autonomo.

    Guarda ora

    Intelligent Gateway

    Intelligent Gateway

    Siemens IOT2040 Intelligent è un gateway IIoT utile nel fornire un ulteriore livello di sicurezza ai dati e alle reti IoT.

    Guarda ora

    PLC serie S7-1200

    PLC serie S7-1200

    PLC Siemens 6ES7211- compatto, perfetto per soluzioni di automazione compatte, con funzionalità tecnologiche e di comunicazione integrate.

    Guarda ora