Cercato recentemente
      • Pubblicato il 4 mag 2023
      • Ultima modifica 29 ago 2023
    • 6 min

    Come cablare un cavo ethernet e lo schema

    Scopri come cablare e crimpare un cavo Ethernet per l’ufficio o la rete aziendale.

    guida cablaggio cavo ethernet

    I cavi Ethernet servono a collegare fisicamente i dispositivi digitali come computer, tablet e smart TV a una rete Internet, con il vantaggio di connessioni di rete più veloci e con latenze inferiori rispetto alla connessione wireless.

    In particolare con l'avvento della fibra ottica nella connessione di rete, il cavo Ethernet di ultima generazione è ormai indispensabile per sostenere l’elevata velocità di connessione e navigazione Internet.

    Questa guida ti fornirà tutte le informazioni necessarie per scegliere il cavo Ethernet della categoria adatta per il tuo ufficio e crimparlo - con o senza pinza crimpatrice - secondo lo schema di cablaggio richiesto.

    Quale cavo ethernet cablare per un ufficio?

    I parametri distintivi di un cavo Ethernet sono principalmente la velocità di trasferimento dei dati e il livello di crosstalk o diafonia, l’eventuale interferenza elettromagnetica che si genera tra elementi vicini di ogni cavo.

    In base a questi parametri i cavi Ethernet si dividono in sette categorie:

    • Categorie 5 e 5e: i cavi di categoria 5 offrono velocità di trasferimento dati tra 10 e 100 Mbps, con una banda di 100 MHz, mentre la categoria 5e consente di raggiungere una velocità di 1 Gbps. Questo tipo di cavi è indicato per applicazioni domestiche, ma ormai è stato sostituito da cavi Ethernet di categorie superiori.
    • Categorie 6 e 6a: i cavi Ethernet delle categorie 6 e 6a sono caratterizzati da velocità di trasferimento dati fino a 10 Gbps, ma la categoria 6a può lavorare a frequenze fino a 500 MHz e riduce al minimo il crosstalk a parità di prestazioni rispetto ai cavi della categoria 6. Sono i tipi di cavi adatti per reti Intranet aziendali.
    • Categorie 7, 7a e 8: i cavi di queste categorie superano tutti i limiti delle precedenti e consentono di raggiungere velocità di trasferimento dati fino a 40 Gbps con frequenze fino a 2000 MHz, tutte caratteristiche che li rendono ideali per reti Internet aziendali affollate.

    Categoria di cavo Ethernet

    Velocità trasferimento dati (Mbit-Gbit/sec)

    Banda di frequenza

    Distanza massima di lavoro

    5

    100 Mbps

    100 MHz

    100 m

    5e

    1 Gbps

    100 MHz

    100 m

    6

    1 Gbps

    250 MHz

    50 m

    6a

    10 Gbps

    500 MHz

    100 m

    7

    10 Gbps

    600 MHz

    100 m

    7a

    10 Gbps

    1 GHz

    50 m

    8

    40 Gbps

    2 GHz

    30 m

    Da ciò possiamo dedurre che un cavo Ethernet di categoria 6 e 6a rappresenta un buon compromesso per cablare la rete di dati di un ufficio.

    Come cablare un cavo ethernet con pinza crimpatrice

    Schema per cablare un cavo ethernet

    Per cablare un cavo Ethernet è necessario abbinare i colori dei fili del cavo con gli 8 pin sul connettore RJ45 (o 8P8C) secondo i due standard T568A e T568B riportati nella tabella seguente:


    Numero di pin

    Colori T568A

    Colori T568B

    Funzione

    1

    Bianco/Verde

    Bianco/Arancio

    Tras. dati

    2

    Verde

    Arancio

    Tras. dati

    3

    Bianco/Arancio

    Bianco/Verde

    Ric. dati

    4

    Blu

    Blu

    Tras./Ric. dati

    5

    Bianco/Blu

    Bianco/Blu

    Tras./Ric. dati

    6

    Arancio

    Verde

    Ric. dati

    7

    Bianco/Marrone

    Bianco/Marrone

    Tras./Ric. dati

    8

    Marrone

    Marrone

    Tras./Ric. dati

    Lo schema di cablaggio delle due estremità del cavo Ethernet include il cablaggio diretto e quello incrociato:

    • Schema di cablaggio diretto, utilizzato per il collegamento di un dispositivo (ad esempio un PC) a uno switch di rete o a un router;
    • Schema di cablaggio incrociato o crossover, utilizzato per collegare tra loro due dispositivi.

    Quindi, lo schema di cablaggio diretto prevede che ad entrambe le estremità del cavo Ethernet il colore dei fili segua lo standard T568A o quello T568B, mentre nello schema di cablaggio incrociato o crossover il colore dei fili seguirà lo standard T568A a un’estremità e quello T568B all’altra.

    Come crimpare un cavo Ethernet cat 6

    Ma vediamo i passi da seguire per scoprire come crimpare un cavo Ethernet, in particolare il cavo che abbiamo scelto per il cablaggio dell’ufficio, ad esempio un cavo di categoria 6a:

    • Cominciamo spellando il cavo; sarà sufficiente rimuovere circa 5 cm di guaina con una pinza spellacavi, per mostrare gli 8 cavetti colorati che formano le 4 coppie intrecciate, secondo il collegamento Twisted pair o doppino ritorto.
    Cavo Ethernet Cat6a
    • Rimuoviamo le eventuali schermature.
    • Raddrizziamo i cavetti colorati e disponiamoli nell’ordine corretto dello standard che abbiamo scelto, ad esempio T568B (bianco-arancione, arancione, bianco-verde, blu, bianco-blu, verde, bianco-marrone e marrone).
    • Tagliamo tutti i cavetti alla stessa lunghezza, affinché possano arrivare tutti in fondo al connettore RJ45 una volta inseriti.
    • Tenendo il connettore con la clip di plastica rivolta verso l’alto e le lamelle metalliche all’estremità opposta, inseriamo i cavetti ordinati nel connettore aiutandoci con le guide presenti all’interno del connettore stesso per assicurarci che tutti i cavetti arrivino fino in fondo.
    • Per fissare tutti i cavetti in modo permanente, ovvero per crimpare il cavo, utilizziamo una pinza crimpatrice in grado di crimpare i connettori RJ45 (8 pin).
    Pinza crimpatrice RS PRO
    • Inseriamo il connettore nello spazio 8P e stringiamo con forza la crimpatrice.
    • Osservando da vicino il connettore crimpato e confrontandolo con uno non crimpato, deve risultare che tutte le lamelle metalliche in precedenza sporgenti ora sono spinte all’interno e la linguetta di plastica all’interno del connettore blocca il cavo per impedirgli di muoversi.
    Cavo Ethernet Cat6
    • Le stesse operazioni vanno effettuate all’altra estremità del cavo con un nuovo connettore, seguendo lo stesso standard di colori dei cavetti (T568B) per lo schema di cablaggio diretto, oppure lo standard T568A alternativo per lo schema di cablaggio crossover.
    • Al termine, verifichiamo che la crimpatura sia stata eseguita correttamente utilizzando un tester per cavo Ethernet.

    Come crimpare un cavo ethernet senza pinza

    In mancanza di una pinza crimpatrice, è possibile crimpare un cavo Ethernet servendosi di due cacciaviti a taglio di dimensioni diverse.

    In pratica, bisogna ripetere esattamente tutti i passaggi fino all’inserimento corretto del cavo Ethernet con i cavetti ordinati all’interno del connettore; a questo punto:

    • Con il cacciavite a taglio di misura maggiore, spingiamo con forza sulla linguetta interna di plastica fino a bloccare saldamente in posizione il cavo;
    • Con il secondo cacciavite, spingiamo all’interno tutte le lamelle metalliche degli 8 pin sui rispettivi cavetti fino a sentire lo scatto di chiusura di ogni lamella.

    La solita procedura di verifica con il tester ci confermerà che questo metodo alternativo è altrettanto valido.

    Conclusione

    Hai visto in base a quali parametri scegliere la categoria di cavo Ethernet più adatta per applicazioni professionali e a quale schema fare riferimento per il tipo di cablaggio desiderato; inoltre, hai scoperto come crimpare un cavo Ethernet anche quando non hai a portata di mano una pinza apposita.

    Visita la categoria dei cavi Ethernet e coassiali di RS per scoprire le numerose proposte di cavi Ethernet per la navigazione veloce in ufficio o in azienda.

    Cavo Ethernet Cat6

    Prodotti Correlati

    Link consigliati