Cercato recentemente
      • Pubblicato il 23 apr 2023
      • Ultima modifica 30 nov 2023
    • 4 min

    La digitalizzazione degli acquisti: una risposta alla responsabilità sociale di impresa

    La digitalizzazione degli acquisti può aiutare ogni organizzazione a raggiungere una migliore qualità nella responsabilità sociale di impresa. Non tutte le organizzazioni, però, sembrano averlo compreso con la giusta consapevolezza.

    digitalizzazione-acquisti-rsi

    L’accelerazione del percorso di trasformazione digitale delle aziende ha condotto la funzione acquisti ad entrare in una nuova fase evolutiva, dinamicamente accentuata dopo la crisi sanitaria e il correlato sviluppo dello smart working.

    Di fatti, se da un lato l’ottimizzazione dei processi di sourcing e di acquisto ha contribuito a promuovere positivamente la performance economica delle aziende, dall’altro lato è evidente come oggi la digitalizzazione degli acquisti sia sempre più al centro della politica di responsabilità sociale d’impresa (RSI), e come tale tendenza non possa essere trascurata.

    Ciò premesso, è lecito domandarsi in che modo sia possibile ripensare l’atto di acquisto e in che modo la relativa automazione dei processi possa rispondere meglio agli obiettivi di sviluppo sostenibile.

    Gli uffici acquisti: una funzione protagonista di nuove sfide aziendali

    Digitalizzare lo svolgimento del processo di acquisto significa integrare soluzioni di automazione che consentano agli uffici acquisti di ottimizzare le lavorazioni, migliorare la redditività e rendere più affidabili le loro operazioni, senza dimenticarsi – contestualmente – di promuovere un’ottica collaborativa.

    Gli stimoli per perseguire questo obiettivo ambizioso non dovrebbero mancare. Ragionando in termini di performance, agilità e redditività, infatti, i benefici offerti dagli acquisti elettronici rispetto agli acquisti tradizionali sono numerosi e ben evidenti anche a chi non ha una profonda esperienza nel settore.

    Per essere conformi allo standard ISO 26000 le organizzazioni, a prescindere dalle loro dimensioni, devono migliorare il proprio contributo sui tre pilastri fondamentali intorno a cui ruota la RSI:

    • economico: la componente economica consente di predisporre un servizio di qualità al cliente con pratiche di prezzo più eque, garantendo acquisti a sostegno dei fornitori locali e nel rispetto dei termini di pagamento;
    • sociale: la responsabilità sociale d'impresa intende promuovere le pari opportunità e la diversità, alimentando e preservando i diritti e la sicurezza dei dipendenti;
    • ambientale: il terzo pilastro pone intuibilmente l’attenzione sulla conservazione delle risorse naturali e della biodiversità, così come sulla riduzione delle emissioni di gas serra e dei rifiuti.

    Come la digitalizzazione degli acquisti può favorire il raggiungimento degli obiettivi RSI

    Per la generalità delle aziende gli acquisti rappresentano la voce più rappresentativa dei costi di conto economico. Proprio per questo motivo investire sulla digitalizzazione degli acquisti potrebbe offrire alle organizzazioni un impatto non certamente neutro in termini di marginalità caratteristica e redditività delle attività aziendali.

    Tuttavia, digitalizzare gli acquisti non significa solamente raggiungere una migliore efficienza dal punto di vista economico quanto, più ampiamente, rafforzare la propria politica di RSI. Ma in che modo?

    Considerato che spesso l’impresa subisce gli impatti delle proprie decisioni di acquisto sulla RSI senza rendersene conto o avere una piena consapevolezza di ciò, può essere utile soffermarsi su questo aspetto iniziando a sottolineare quante e quali decisioni possono impattare sulla responsabilità sociale d'impresa.

    Si pensi, per esempio, all’e-sourcing, la ricerca e la valutazione dei fornitori, una pratica che consente di promuovere gli acquisti responsabili qualificando solo gli operatori che offrono il migliore rapporto qualità/prezzo e che hanno adottato a loro volta un approccio etico, proponendo per esempio servizi o prodotti certificati NF Environnement, Ecolabel o provenienti da agricoltura biologica.

    Privilegiare la scelta e la creazione di rapporti duraturi con fornitori locali permette inoltre alle aziende di limitare il ricorso ai trasporti più lunghi e contribuire così in modo significativo al supporto dell’economia locale, soddisfacendo al contempo uno dei requisiti della RSI: il risultato di una simile preferenza nei confronti dei partner locali favorirà la capacità di negoziare prezzi equi, saldare le fatture nei tempi stabiliti, garantire la propria trasparenza relazionale. Insomma, punti forti della RSI che consentono di aumentare la soddisfazione i rapporti con i fornitori e con i clienti.

    Digitalizzando i processi di acquisto si può favorire la dematerializzazione degli ordini di acquisto, delle fatture e delle bolle di consegna, generando una quantità inferiore di stampe su carta. La centralizzazione degli ordini sulla piattaforma di e-commerce o nello strumento di e-procurement adottato all’interno dell’azienda consente poi di raggruppare gli ordini provenienti da diversi utenti, razionalizzando le consegne: minori trasporti equivalgono a minore inquinamento ed emissioni di gas serra.

    In aggiunta a ciò, si consideri come la digitalizzazione degli acquisti costituisca un importante passo avanti anche per ciò che riguarda la comunicazione tra i collaboratori: gli scambi di informazioni e di indicazioni diventano più efficienti, le validazioni sono semplificate, gli errori negli ordini e le controversie in netto calo. In altri termini, valori aggiunti irrinunciabili nel momento in cui si desidera ottimizzare il valore diffuso all’interno della propria organizzazione, riducendo conflitti e inefficienze, liberando più tempo da dedicare alle attività a maggiore valore aggiunto, più gratificanti e motivanti.

    Infine, la digitalizzazione degli acquisti può generare benefici anche nei confronti dei dipendenti, che potranno disporre della giusta motivazione e della necessaria consapevolezza di lavorare all’interno di aziende etiche e più rispettose dell’ambiente circostante.

    Potrebbe interessarti

    Link consigliati